I comportamenti influenzano la progettazione e la progettazione influenza i comportamenti delle persone.

Questo assioma, ampiamente condiviso nel mondo dell’architettura, è uno dei pilastri del behavioural-based design (chiamato anche behaviour-based design, lett. “progettazione basata sui comportamenti”), tendenza in continua ascesa anche nel settore ufficio.

Non si tratta certo di una novità: rientrano nella stessa filosofia il passaggio dai primi open space ai cubicle negli anni ’80, il ritorno agli spazi condivisi negli anni 2000, e oggi con la diffusione del lavoro ibrido, il cambiamento spingerà ancora.

Per incentivare il rientro in ufficio, è necessario che lo spazio si evolva in parallelo al mercato.

Come? Studiando i lavoratori e ri-progettando gli spazi.

Continuano ad essere importanti e dovrebbero essere oggetto di maggiore attenzione altre strategie comuni, quali il design biofilico, le installazioni di scrivanie ergonomiche sit-stand e l’accesso ad aree in cui sia possibile praticare attività di esercizio attivo e meditativo.

La flessibilità di far usufruire il collaboratore di ulteriori spazi diversi dal proprio ufficio rappresenta un vantaggio molto utile. La possibilità di scegliere l’ambiente e la tipologia di ufficio a seconda della necessità o del compito da affrontare, consentirà al dipendente di sentirsi a proprio agio, e non in uno spazio limitato come tra le mura domestiche.

Cambiare la prospettiva per trasformare il design

Il processo di behaviour-based design si basa sullo studio dei “comportamenti umani”, pensati come “la somma delle azioni e degli atteggiamenti delle persone”.

Per azioni si intendono tutte le attività misurabili e osservabili; gli atteggiamenti sono invece la risposta emotiva al mondo esterno. Progettare considerando i comportamenti significa studiare le persone per anticiparne gli atteggiamenti e le azioni conseguenti.

Molti uffici non hanno il giusto equilibrio tra spazio comune e privato. Un open space con tante scrivanie, ad esempio, inviterà le persone a interagire di continuo le une con le altre, senza consentire discussioni private. Al contrario, una stanza chiusa e insonorizzata, trasmetterà un senso di privacy e istintivamente verrà scelta per una riunione.

L’obiettivo finale è molteplice: motivare maggiormente le persone, migliorare il benessere e, in ultimo, aumentare la produttività e l’efficienza.

Il processo di progettazione rimane invariato, ma viene implementata la fase di pre-design.

  1. Dividere in gruppi/aree di lavoro
    A meno che non si tratti di un piccolo studio professionale, qualsiasi azienda include al suo interno diverse mansioni, con esigenze e attitudini diverse. Pensiamo ad esempio al personale amministrativo, all’ufficio marketing e al reparto commerciale: perseguono lo stesso macro-obiettivo, ma percorrendo “strade diverse”.
  2. Studiare i comportamenti
    Il modo migliore per valutare le necessità di un team di lavoro è seguirlo, letteralmente, per qualche giorno. In questa maniera è possibile evidenziare i pattern di comportamento, evidenziare le criticità e intercettare le modifiche di progettazione, layout, arredo che potrebbero migliorare la vita lavorativa di una determinata area. Se uscire dall’ufficio sembra essere troppo complicato, una soluzione è cercare di creare all’interno degli uffici, delle zone “libere dal lavoro” per una breve pausa o per prendere un caffe. In questo modo si dà ai dipendenti la possibilità di ricaricarsi regolarmente durante la giornata.
  3. Definire layout e design
    Il risultato delle analisi dei comportamenti si trasformerà in progetto, creando per ogni team delle aree non più solo funzionali, ma anche behaviour-based.

La progettazione così definita avrà già risposto a tutte le esigenze funzionali ed estetiche dei singoli gruppi: a questo punto sarà necessario collegare tutti gli spazi al meglio.

Immancabili? Elementi di design comuni a più aree funzionali e postazioni wireless disponibili in ogni ambiente.

2 Commenti

  • alberto marziali
    Posted 14 Settembre, 2021 3:26 pm

    Mi sembra che ci sia un netto scollamento tra ciò che ci aspettiamo noi venditori e ciò che ci propone il marketing delle aziende. Da nessun fabbricante riceviamo mai una domanda semplicissima: “cosa ti serve per riuscire a vendere il nostro brand ai tuoi clienti” ? Scusate la franchezza.

    • Redazione Frezza
      Posted 17 Settembre, 2021 8:43 am

      Gentile Sig. Marziali,
      teniamo molto ai nostri clienti e proprio per questo sarà un piacere ascoltarla. Sarà contattato dal nostro responsabile di zona al riguardo.

      La ringraziamo per il commento. Cordiali saluti,
      Frezza

Lascia un commento

Rimani aggiornato su tutte le novità, iscriviti alla nostra newsletter!

Rimani aggiornato su tutte le novità, iscriviti alla nostra newsletter!