I dipendenti richiedono relazioni più solide, cercano connessioni e soprattutto vogliono sentirsi “visti”.

Secondo un recente studio di McKinsey le ragioni della Great Resignation (l’ampio numero di dimissioni registrate post-Covid) andrebbero ricercate innanzitutto da qui. I risultati dell’analisi sono stati piuttosto evidenti: più della metà degli intervistati ha dichiarato di essersi licenziata perché non si sentiva stimata dai superiori o perché non sentiva un senso di appartenenza in azienda.

Il crescente passaggio al lavoro remoto – totale o ibrido – di certo non aiuta. Secondo uno studio di Airspeed ripreso da Forbes, più del 70% dei lavoratori in remoto sente di non socializzare a sufficienza e il 33% combatte con la solitudine.

Quali sono le implicazioni? La prima arriva dalle neuroscienze, grazie a uno studio del SISSA di Trieste: lo stress causato dall’esclusione sociale (propria o di chi ci sta vicino, come un collega o un amico) può trasformarsi in dolore fisico, con conseguenze negative sulla salute e sul comportamento.

Se guardiamo la questione da un’altra prospettiva, possiamo immediatamente notare l’impatto positivo delle connessioni umane sul lavoro, anche in termini di business. I dipendenti che si sentono connessi ai colleghi e all’azienda sono più produttivi (94%), sono soddisfatti del loro ruolo che ricoprono (96%) e sono propensi a rimanere più a lungo nello stesso posto di lavoro (49%).

Riassumendo: la produttività migliora e il turnover, con i suoi costi sempre più alti, diminuisce.

I dati sono chiari. Ma se la connessione umana è così importante, come possiamo incentivarla, dentro e fuori l’ufficio?

Il buon esempio ripaga sempre

Quello che per alcuni può essere tempo sottratto all’operatività, è in realtà un forte driver di crescita. Le persone vogliono essere viste, ascoltate e considerate, dai colleghi nella stessa posizione così come dai superiori.

Il leader – ben diverso dal capo – dev’essere il primo a osservare chi gli sta intorno, per creare un senso di appartenenza in ogni membro del team. Come? Parlando con le persone, confrontandosi con loro e dando feedback costruttivi.

Nei team in remoto, mail e messaggistica istantanea non sono più sufficienti: alle volte una telefonata o una video-call individuali possono essere il vero elemento di svolta.

Senza dimenticare però il concetto di gruppo, attraverso attività concordate e regolari, come un pranzo mensile con tutti, una sessione di brainstorming settimanale o un’attività di team building trimestrale.

L’importante è creare opportunità: momenti di relazione, di confronto, di crescita come individui e come gruppo. Momenti anche di semplice socializzazione, per sentirsi meno soli in un momento dove siamo sempre più connessi ma sempre più lontani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *