Chi meglio di un professionista sa come si muove il mercato, soprattutto in aree geografiche definite?

Nasce oggi una nuova rubrica di Landscapes, dedicata agli Insights dei nostri partner: diamo voce a chi lavora ogni giorno sul campo, per scoprire aneddoti e visioni sul futuro del nostro settore.

Il nostro viaggio parte da Treviolo, in provincia di Bergamo, con il nostro partner Mobilberg, attivo dal 1965 e specializzato nel campo dell’arredamento per ufficio, anche per soluzioni di tipo contract.

Non solo: il punto vendita offre anche proposte come pareti mobili, illuminazione, tende e controsoffitti, per dare un servizio completo al cliente.

I due titolari dell’azienda hanno risposto ad alcune nostre domande: parliamo con Marco Cortinovis, che si occupa dell’area commerciale, e Roberto Consonni, a capo  dell’area tecnica e progettuale.

L’ufficio e l’emergenza COVID-19: come Mobilberg Srl  ha affrontato il periodo

  1. Bergamo è stata la città simbolo dell’emergenza COVID-19: è stato possibile continuare a lavorare durante il periodo di chiusura? Se sì, in quali modalità?

Come ben risaputo la città di Bergamo ha pagato un tremendo contributo all’epidemia Covid-19.

Dopo i primi giorni di sconforto e di preoccupazione, abbiamo tutelato i nostri collaboratori invitandoli a operare in smart working. Abbiamo continuato ad avere contatti con la nostra clientela svolgendo, con qualche difficoltà tecnica, quanto già programmato a livello di progetti e preventivi.

Pur avendo chiuso gli uffici, abbiamo comunque collaborato con enti e strutture impegnati nell’emergenza sanitaria, contribuendo all’allestimento degli arredi in diversi reparti COVID-19, ad esempio nei nuovi Ospedali Fiera di Milano e di Bergamo.

Potremmo riassumere il mondo in questo periodo con una parola: solidarietà.

Ogni cliente o fornitore si è rivelato sempre attento nei nostri confronti, senza mai farsi mancare un “Come va?” o un “Come state?”.

  1. L’ultimo periodo ha visto l’affermarsi sempre più forte degli strumenti digitali, per interfacciarsi con clienti, collaboratori e fornitori. Cosa avete utilizzato?

Uno strumento fondamentale è stato Pcon Planner, un programma di progettazione grafica, che  ha permesso di interfacciarci direttamente con gli studi di architettura, offrendo loro elasticità e velocità.

  1. Il distanziamento sociale porterà sicuramente a cambiamenti di progettazione nell’ambito ufficio: quali saranno secondo voi i più evidenti? Vi state già muovendo in tal senso, per i progetti in corso?

A nostro avviso, il distanziamento sociale, porterà ad un incremento del lavoro in smart working, anche se si percepisce la voglia di ritornare sul posto di lavoro e beneficiare della comunicazione diretta con i colleghi. Immaginiamo ad esempio lo scambio di idee progettuali tra professionisti dello stesso studio.

È anche vero che con gli studi professionali lavoriamo già a distanza attraverso metodi di comunicazione tecnologici, che permettono la condivisione e l’interscambio di informazioni.

  1. Come è cambiato il vostro approccio ai visitatori dopo questo periodo?

I clienti che riceviamo nel nostro showroom, previo appuntamento, vengono accolti nei nostri spazi da un collaboratore, che come da prassi del D.M. della Lombardia, misura la temperatura e controlla che tutti indossino i dispositivi protezione individuale, come la mascherina. Il passo successivo? Ovviamente il caffè di benvenuto!

Rimani aggiornato su tutte le novità, iscriviti alla nostra newsletter!

Rimani aggiornato su tutte le novità, iscriviti alla nostra newsletter!